Passa al contenuto principale

OIC

L’OIC (Organismo Italiano di Contabilità) è nato dall’esigenza di costituire uno standard alla base dei Principi Contabili Nazionali.

L’OIC è una fondazione composta dai:

  • Fondatori: l’Assirevi, il CNDCEC (Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e il Consiglio Nazionale dei Ragionieri);
  • Preparatori: l’ABI (Associazione Bancaria Italiana), l’Alleanza delle Cooperative Italiane, l’ANDAF (Associazione italiani Diretori Amministrativie finanziari), l’ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici), l’Assilea (Associazione italiana leasing), l’Assonime, la Confagricoltura, la Confcommercio e la Confindustria;
  • Utilizzatori: l’AIAF (Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i minori), l’Assogestioni e la Centrale Bilanci, la Borsa Italiana S.p.A..

Nel suo statuto troviamo anche i Ministeri della Giustizia e dell’Economia e delle Finanze e le Autorità Regolamentari di Settore (Banca d’Italia, Consob e ISVAP).

Struttura

La struttura dell’OIC è formata da:

  1. Collegio dei Fondatori: Assirevi, CNDCEC, ABI, Alleanza delle Cooperative Italiane, Andaf, Ania, Assilea, Assonime, Confagricoltura, Confcommercio, Confindustria, Aiaf, Assogestioni, Centrale bilanci, Borsa Italiana S.p.A.;
  2. Consiglio di Sorveglianza: si compone del Presidente e di 19 membri (6 sono nominati dalla professione contabile, 7 dai Preparatori, 2 dagli Utilizzatori, 1 dalla Borsa Italiana, 1 dalla Corte dei Conti, 1 dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato e 1 da Unioncamere);
  3. Consiglio di Gestione: è composto da un minimo di 9 ad un massimo di 19 membri (esperti dei settori economici a cui sono destinati i principi contabili);
  4. Collegio dei Revisori: è composto da tre (il Presidente viene designato da Unioncamere, 1 viene designato dalla professione contabile e 1 dalla Borsa Italiana insieme agli Utilizzatori).

Il Consiglio di Sorveglianza ha la funzione generale di indirizzo e di controllo dell’attività dell’organismo; nomina il Presidente ed i membri del Consiglio di Gestione; approva obiettivi, programmi e le linee di indirizzo, il budget e il bilancio della Fondazione; esprimere valutazioni ed indirizzi su questioni di rilevanza strategica.

Il Consiglio di Gestione svolge l’attività tecnica e gestoria della Fondazione; emana i Principi contabili nazionali, definisce la posizione da assumere in tema di Principi contabili internazionali, propone al Consiglio di Sorveglianza le linee di indirizzo nell’attività di impulso e collaborazione nei confronti degli organismi preposti alla redazione dei principi contabili internazionali.

Il Collegio dei Revisori vigila sui principi per una corretta amministrazione; accerta la regolare tenuta della contabilità; la corrispondenza del bilancio alle risultanze dei libri e delle scritture contabili; l’osservanza dei principi di redazione del bilancio.

Principi Contabili Nazionali

Nell’ambito della ragioneria e delle discipline economiche e aziendalistiche italiane, i principi contabili nazionali, emanati dall’OIC, costituiscono il riferimento normativo fondamentale per la prassi contabile standard adottata dalla legislazione italiana per la redazione del bilancio di esercizio.

Essi sono sottoposti a confronto con i IAS/IFRS (Principi Contabili Internazionali), emanati dallo IASB (International Accounting Standards Board), costituenti il primo tentativo di standardizzazione mondiale delle regole contabili.

PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

La Comunità Europea si è resa conto della necessità di creare un linguaggio contabile comunitario per le imprese che operano nell’Unione; questa armonizzazione delle regole contabili ha rappresentato uno dei principali obiettivi della Comunità Europea per agevolare lo sviluppo e l’efficienza dei suoi mercati finanziari.

La scarsa comparabilità dei bilanci limita la possibilità di investimento degli operatori economici; questa condizione è nata dai differenti principi contabili di ciascun Paese membro, di fatto un freno che causa uno scarso grado di confrontabilità dei bilanci delle imprese europee,

La Comunità Europea ha deciso di introdurre progressivamente i Principi contabili internazionali IAS/IFRS dello IASB (International Accounting Standard Board) all’interno di ciascun Paese che,si è reso conto del problema, ha deciso di affidarsi ad un gruppo di regole contabili organiche, coordinate e riconosciute a livello internazionale.

Il D.Lgs. n. 38/2005 ha introdotto l’applicazione dei Principi Contabili Internazionali solo per la scrittura del Bilancio:

  • d’esercizio delle società di capitali: direttiva n. 78/660/CEE (IV direttiva) che trova applicazione nel Codice Civile italiano;
  • d’esercizio e consolidato di banche e altri intermediari finanziari: direttiva n. 86/635/CEE che trova applicazione nel D.Lgs. n. 87/1992;
  • consolidato delle società di capitali: direttiva n. 83/349/CEE (VII direttiva) che trova applicazione nel D.Lgs. n. 127/1991;
  • d’esercizio e consolidato delle imprese di assicurazione: direttiva n. 91/674/CEE che trova applicazione nel D.Lgs. n. 173/1997;
  • d’esercizio e consolidato delle società di capitali: direttiva n. 34/2013/CEE che trova applicazione nel D.Lgs. n. 139/2015.

La scrittura del Bilancio d’esercizio (artt. 2423 e 2435 ter del CC) si compone dallo Stato patrimoniale (cc 2424), dal Conto economico (cc 2425), dal Rendiconto finanziario (art. 6 comma 2 lett. a) D. lgs. 18 agosto 2015 n. 139) e dalla Nota integrativa (cc 2427).