Passa al contenuto principale

Fattura di cortesia

La fattura di cortesia, o documento di cortesia, è un documento cartaceo, non valido a fini fiscali; il venditore lo rilascia al cliente come anteprima del documento fiscale che invierà allo SdI.

È possibile che lo SdI non sia in grado di consegnare la fattura corretta al destinatario e le cause del mancato recapito possono essere:

  • indirizzo PEC del destinatario errato o mancante;
  • casella PEC del destinatario piena;
  • problemi tecnici sul canale di ricezione associato al codice destinatario del cliente;
  • altri problemi tecnici.

In questo caso, chi ha emesso la fattura riceverà dallo SdI un esito MC (mancata consegna) e avrà l'obbligo di informare il suo cliente (ad esempio tramite email) che la fattura è disponibile nel suo cassetto fiscale, o in fattura e corrispettivi e cogliere l'occasione per anticipare il documento di cortesia.

Dati da inserire

Dato che si tratta di un'anteprima questo documento potrà contenere:

  • dati del venditore;
  • dati dell'acquirente;
  • PEC;
  • Codice Destinatario;
  • data di emissione;
  • la quantità;
  • la tipologia;
  • i prezzi scorporati;
  • totale imponibile;
  • IVA;
  • progressivo documento (dato presente nelle fatture analogiche emesse prima del 31/12/2018).