Passa al contenuto principale

Anticipo delle fatture

L'anticipo fatture è una forma di finanziamento, concesso da un istituto di credito a fronte di fatture emesse e accettate dai propri clienti , prima che le fatture stesse vengano saldate. Il finanziamento si estingue direttamente con il pagamento delle fatture.

In pratica, si tratta di un fido, anticipo di liquidità, che la banca concede al proprio cliente, se lo valuta affidabile, su fatture emesse e non scadute.

Due diverse tipologie di riscossione del credito

Si possono distinguere due diverse tipologie di anticipo fatture:

  • il mandato all'incasso: nel caso in cui sia l'azienda ad occuparsi della riscossione del credito. L’importo sarà pagato sul conto corrente dell’azienda creditrice; quindi, la banca potrà trattenere la cifra anticipata;
  • la cessione del credito: in questo caso è sarà la banca ad occuparsi della riscossione del credito.

Dal punto di vista operativo è possibile richiedere l'anticipo per le fatture emesse non ancora scadute. Può succedere, tuttavia, che il cliente saldi la fattura prima della data di scadenza. In tal caso è possibile restituire la somma anticipata.

Nel caso in cui la fattura scada o il cliente sia insolvente la Banca estingue l'anticipo e richiede il rimborso delle somme anticipate.

Ogni istituto bancario adotta politiche e condizioni differenti sia nelle tempistiche che nei tassi di interesse applicati sul credito concesso.

Tale modalità non si deve confondere con il factoring; quest'ultimo, è un contratto che consente, ad un imprenditore e/o impresa, di cedere tutti i crediti dell’impresa, presenti e futuri, ad una società specializzata di factoring (factor), che a sua volta si impegna a fornire i servizi di contabilità, gestione e riscossione dei crediti vantati dall’imprenditore e/o impresa, dietro pagamento di una commissione.

Costi dell'anticipo delle fatture

Il finanziamento rappresentato dall’ anticipo fatture ha un costo, strettamente legato al tasso d'interesse che la Banca applica al proprio cliente.

In genere le fatture vengono anticipate all’80% dell’importo al netto dell’IVA.